Cliente:
Montanari & Gruzza S.p.A.
Luogo:
Via I. Newton 38, Reggio Emilia
Servizi:
Installazione e manutenzione di un nuovo impianto di rivelazione fumi ed allarme incendio
Dati tecnici:
Centrale, rivelatori di gas e rivelatori di fumo Tecnofire

Impianto di rivelazione fumi ed allarme incendio per fabbricato ad uso industriale

Tipologia Referenza 

Progettazione, installazione e manutenzione dell’impianto di rivelazione fumi ed allarme incendio di un fabbricato ad uso industriale per il deposito, trattamento e stagionatura di prodotti caseari. Revamping del preesistente impianto antintrusione e videosorveglianza.

Cliente

Montanari & Gruzza S.p.A.

Obiettivo

Sulla base delle caratteristiche dello stabilimento in oggetto e delle attività che vi si svolgono, la realizzazione di un impianto di rivelazione fumi ed allarme incendio non era obbligatorio ai sensi della normativa vigente. La Committenza però, in considerazione della valutazione del rischio e del carico d’incendio di alcune specifiche aree, ha deciso di dotarle di tali sistemi di sicurezza.

Le aree in questione sono:

  • Magazzino materie prime/imballaggi e locale CED;
  • Magazzino stagionatura;
  • Magazzini telonati;
  • Due diverse zone di carico muletti.

L’obiettivo dunque era quello di aumentare la sicurezza, di cose, luoghi e persone in quei locali classificati “a maggior rischio di incendio”. Oltre all’aspetto antincendio però è stato preso in considerazione anche quello dell’antintrusione, pianificando l’aggiornamento dei sistemi di allarme e videosorveglianza.

Soluzione

Sebbene non vi fosse un obbligo di legge alla realizzazione dell’intervento, il nuovo impianto è stato realizzato in conformità a quanto previsto dalla Normativa vigente, in particolare alla Norma UNI 9795. 

Nello specifico, è stata adottata una centrale conforme alla UNI EN54-2 e, considerando le caratteristiche del fabbricato e le procedure della squadra d’emergenza interna, si è stabilito di posizionarla in un luogo permanentemente e facilmente accessibile, protetto dall’incendio diretto e da danneggiamenti e completo di segnalazione remota a distanza. Sono stati scelti dei segnalatori acustici  che, grazie a due tipi di suoni diversi, potessero assolvere sia la funzione di allarme incendio che quella di allarme evacuazione. Essi sono comandati dalla centrale e sono stati posizionati in modo da garantire l’udibilità nelle diverse condizioni ambientali. Infine, tutte le altri componenti dell’impianto sono state selezionate e fornite sulla base delle indicazioni di legge e installate a regola d’arte.

Relativamente ai sistemi antintrusione e videosorveglianza, l’intervento si è tradotto sostanzialmente nella sostituzione della vecchia centrale. Il nuovo apparecchio, di ultima generazione, può gestire fino a 300 rivelatori, lasciando aperta in tal modo la possibilità di un futuro ampliamento dell’impianto.

Risultato

Grazie all’impianto di rivelazione fumi ed allarme incendio installato nelle aree maggiormente a rischio, lo stabilimento ha senza dubbio raggiunto un aumento considerevole della sicurezza di cose, ambienti e persone. Se a ciò si aggiunge il revamping del sistema antintrusione risulta chiaro come l’azienda, in seguito a tali interventi, goda di un livello di protezione integrata molto elevato.

Componenti

Tutte le componenti dell’impianto di rivelazione fumi ed allarme incendio sono Tecnofire:

  • Centrale
  • Alimentatori ausiliari
  • Rivelatori ottici di fumo
  • Rivelatori di gas
  • Rivelatori ottici lineari
  • Impianto di rivelazione a campionamento aria
  • Pannelli ottici acustici
  • Sirena elettronica bitonale
  • Pulsanti manuale allarme incendi

Centrale impianto antintrusione Combivox

oppure scrivici per maggiori informazioni