Il Comune di Angera, nella Provincia di Varese, ha lanciato poche settimane fa l’iniziativa “Adotta una telecamera”. Il progetto è finalizzato ad instaurare e consolidare una sinergica collaborazione fra cittadini e istituzioni allo scopo di potenziare la sorveglianza del territorio e prevenire dunque atti vandalici e illeciti. Esso si inserisce nell’ambito delle iniziative di partenariato pubblico-privato previste e incentivate dall’art. 7 del provvedimento “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città” e di cui vi abbiamo parlato recentemente nel post “Dal Decreto Legge 14/2017 alle linee guida per la sicurezza urbana”.

Vediamo come funziona l’iniziativa. Per tutto il mese di settembre il Comune, come descritto nell’avviso pubblicato sul proprio sito, propone agli abitanti di Angera di “adottare una telecamera”. Privati, aziende, comitati di quartiere e associazioni potranno comprare una videocamera che la Polizia Municipale si occuperà di collegare al sistema di videosorveglianza pubblico. La telecamera dovrà inquadrare uno spazio pubblico, come la propria via, azienda o come la piazza del quartiere che in tal modo entreranno a far parte del circuito di videocontrollo cittadino. L’ampliamento di tale circuito renderà più facile e immediata, in caso di atti illeciti, l’individuazione da parte della Polizia Municipale dei responsabili.

Le spese relative all’acquisto dell’apparecchio, al punto di collegamento e all’alimentazione elettrica saranno a cura del privato mentre il Comune fornirà il sistema di trasmissione radio, le spese di collegamento alla centrale e le licenze d’uso.

Negli ultimi tempi abbiamo parlato spesso di controllo del territorio e già nel post “Sorveglianza cittadina e privacy: gli ultimi orientamenti” avevamo sottolineato come l’utilizzo delle telecamere stesse prendendo piede e fosse una tendenza destinata ad avere numerosi sviluppi nel breve termine. L’iniziativa “Adotta una telecamera” del Comune di Angera ne è la conferma ed è presumibile che nei prossimi mesi molte altre municipalità lanceranno iniziative simili. 

oppure scrivici per maggiori informazioni